Corsi disponibili

Questo documento è a disposizione dello staff e di tutti coloro che collaborano come referenti o funzioni strumentali oppure hanno proposte in merito.

E’ concepito come foglio di appunti e promemoria. E’ importante che sia indicato l’autore della proposta, perché potrà essere coinvolto in fase di redazione nello spiegare cosa ha in mente.

E’ un modo di lavorare cooperativo, che si costruisce “dal basso verso l’alto”, con l’apporto di tutti. Inizio con una proposta, a titolo di esempio.

Le proposte saranno volte ad integrare o migliorare il contenuto dell’attuale patto formativo del Liceo, aggiornandolo alle nuove istanze emerse e/o alle novità normative

Apro il lavoro in data 7  marzo 2018 e raccolgo le proposte entro il mese di maggio 2018. Poi un gruppo di lavoro composto da docenti designati dal Collegio su base volontaria e tenuto conto di chi ha già esperienza di stesura di questo documento, inizierà la fase redazionale. Le modalità di consultazione e informazione delle componenti scolastiche saranno decise dagli Organi Collegiali.

Ringrazio sin da ora tutti per la collaborazione.

Il dirigente scolastico dott.ssa Albalisa Azzariti


Il riconoscimento del merito deve avere queste caratteristiche: tutti devono, volendo e sapendo i criteri, poter accedere (se non quest’anno, l’anno prossimo), deve essere  un sistema calato nella nostra realtà del Liceo, deve avere una funzione positiva, innescando dinamismi e curiosità, voglia di provare e di cimentarsi, non deve dare luogo a graduatorie o classifiche e deve essere un sistema sostenibile per il Comitato.

Il riconoscimento del merito deve avere queste caratteristiche: deve essere un sistema mobile: tutti devono, volendo e sapendo i criteri, poter accedere (se non quest’anno, l’anno prossimo), deve essere calato nella nostra realtà del Liceo, deve avere una funzione positiva, innescando dinamismi e curiosità, voglia di provare e di cimentarsi, non deve dare luogo a graduatorie, classifiche (infatti, per i motivi sopra indicati, vi saranno tanti insegnanti bravi, la cui bravura però non si palesa in indicatori misurabili e che quindi in quest’anno non accederanno al merito, ma ciò non vuol dire che siano meno bravi degli altri), può essere un sistema a scalare (quest’anno misuriamo e consideriamo solo alcuni indicatori, l’anno prossimo degli altri), deve essere un sistema sostenibile per il Comitato.

L'obiettivo del corso è quello di insegnare un linguaggio di programmazione molto solido e diffuso, utile per imparare la logica della programmazione e il pensiero computazionale.

Il corso è erogato in modalità blended, cioè parte in presenza e parte come e-learning, per consentire sia un più facile ripasso degli argomenti trattati, sia il recupero delle lezioni perdute.